La Settimana Santa a Belvedere Marittimo

Sito del gruppo I fratilli, realizzato e curato da Antonio Cuda

Pasqua 14 (72Wx35H) - La mia anima esulta nel mio Dio. I Canti

Ultimo aggiornamento:  05-03-19  

Home
Storia e Tradizione
I "fratilli"
Le Croci e il Cristo
Statue e "Statuanti"
Strumenti e Banda
Le processioni
I Canti
Video
Restauri... 2008/09
Cammino Confraternite
Album dei ricordi
Contatti e Link

 

 

  • I Canti della pietÓ popolare

VENERDI' E DOMENICHE DI QUARESIMA

 

VIA CRUCIS  (San Leonardo da Porto Maurizio)

 

Inno:   (testo di San Venanzio Fortunato) 2010 (*)

 

Vexýlla Regis pr˛deunt: Fulget Crucis mystŔrium,

Qua Vita mortem pŔrtulit, Et morte vitam pr˛tulit.

 

Quae, vulnerÓta lÓnceae Mucr˛ne diro, crýminum

Ut nos lavÓret s˛rdibus, ManÓvit unda et sanguine.

 

ImplŔta sunt quae c˛ncinit David fidŔli cÓrmine,

DicŔndo nati˛nibus: RegnÓvit a ligno Deus.

 

Arbor dec˛ra et f¨lgida, OrnÓta Regis p¨rpura,

ElŔcta digno stýpite Tam sancta membra tÓngere.

 

BeÓta, cujus brÓchiis PrŔtium pepŔndit saeculi,

StatŔra facta c˛rporis, Tulýtque praedam tÓrtari.

 

O Crux, ave, spes ¨nica, Hoc passi˛nis tŔmpore,

Piis adÓuge grÓtiam, Reýsque dele crýmina.

 

Te, fons sal¨tis, Trýnitas, CollÓudet omnis spýritus:

Quibus Crucis vict˛riam Largýris, adde praemium. Amen.

 

1.a Giaculatoria

Ges¨, Ges¨ mio bene, stampate nel mio cuor le vostre pene!

 

2.a Giaculatoria 2010 (*)

Santa Madre, dhe, voi fate che le piaghe del Signore,

siano impresse nel mio cuore!

 

3.a Giaculatoria

Adoramus Te Christe et benedicimus tibi,

quia per sancta crucem tuam redemisti mundum!

 

Introduzione: 2010 (*)

L'orme sanguigne del mio Signore, tutto dolore seguiter˛.

E il cuore, intanto, per gli occhi in pianto, sopra il Calvario distiller˛.

 

St. I.a - Ges¨ Ŕ condannato a morte 2010 (*)

Cuor mio crudele quando peccasti allor gridasti muoia Ges¨!

Mira ch'Ei langue, Ŕ tutto sangue, morr˛, ti dice, non peccar pi¨.

 

St. II.a - Ges¨ Ŕ caricato dalla croce 1979 -  2010 (*)

Ges¨ mio caro, ormai Ŕ giunto l'acerbo punto del tuo morir.

Stringi la croce, morte sý atroce, gode il tuo cuore... per me soffrir.

 

St. III.a - Ges¨ cade sotto la croce 2010 (*)

Dhe, voi sentite sassi pungenti i miei lamenti: pietÓ, pietÓ!

Ges¨ Ŕ caduto privo di aiuto e pi¨ straziato, ahi crudeltÓ!

 

St. IV.a - Ges¨ incontra sua madre 2010 (*)

AhimŔ che veggo! Langue Maria che per la via vede il Signor:

di sangue intriso, Ŕ come ucciso. La madre e il Figlio:

oh qual dolor, oh qual dolor!

 

St. V.a  - Ges¨ Ŕ aiutato dal Cireneo 2010 (*)

Simon, la croce sopra il mio dorso, se dar soccorso or non vuoi tu,

porter˛ io...   Ahi! muore, oh Dio, sotto il gran peso...

ahi, muor Ges¨! Ahi, muor Ges¨!

 

St. VI.a - Ges¨ incontra la Veronica 2010 (*)

Bel volto, oh come la tua bellezza, la tua dolcezza,

come sparý? Come sparý? Tutto ferito, impallidito. In te chi mai...

in te chi mai... in te chi mai tanto infierý. In te chi mai tanto infierý!

 

St. VII.a - Ges¨ cade per la seconda volta sotto la croce 2010 (*)

Turbe insolenti, perchÚ sý fiere a schiere, a schiere, contro il mio ben

incrudelite con le ferite, s'Egli Ŕ caduto e giÓ vien men?

S'Egli Ŕ caduto e giÓ vien men? E giÓ vien men?

 

St. VIII.a - Ges¨ incontra le pie donne 2010 (*)

Donne, donne pietose,

oh che bel vanto se il vostro pianto si mescol˛

con l'amoroso sangue prezioso che dalle piaghe Ges¨ vers˛!

Donne, donne pietose,

oh che bel vanto se il vostro pianto si mescol˛

con l'amoroso sangue prezioso che dalle piaghe Ges¨ vers˛!

 

St. IX.a - Ges¨ cade per la terza volta sotto la croce 2010 (*)

Dal peso oppresso, del tuo peccato, Ges¨ Ŕ cascato, non pi¨ tardar.

Indebolisce e tramortisce.

Lascia il peccato, lascia il peccato se'l vuoi sgravar!

 

St. X.a - Ges¨ Ŕ spogliato dalle vesti 2010 (*)

Angeli voi dal ciel scendete, dal ciel scendete,

l'ali stendete per ricoprir Ges¨ nudato!

Per ricoprir Ges¨ nudato! Ahi tu sfacciato,

tanto rossore gli fai soffrir? Tanto rossore gli fai soffrir?

 

St. XI.a - Ges¨ viene inchiodato sulla croce 2010 (*)

A me ti volgi mio ben spirante, un guardo amante concedi a me.

Dal duolo assorto ch'io resti morto

sotto la croce, Ges¨ con te... Sotto la croce, Ges¨ con te...

 

St. XI.a - Ges¨ viene inchiodato sulla croce (allĺultima Via Crucis) 2010 (*)

Alla Croce Ŕ infin disteso l'Innocente e Fido Agnello.               

Vien trafitto a pien martello, a pien martello,           

mani e piÚ senza pietÓ.            

Vive ancor trafitto in croce, viene esposto al mondo intero

onde ceda al loro impero, ed alle cieche,        

alle cieche potestÓ.             

 

St. XII.a - Ges¨ muore sulla croce 1979 - 2010 (*)

Il sol s'oscura, il sol s'oscura e infin la terra il sen disserra

pel gran dolor... Il sen disserra pel gran dolor... Pel gran dolor...

Pel gran dolor... Pel gran dolor...

Morto Ŕ il Signore, morto Ŕ il Signore!

Oh peccatore se tu non piangi, se tu non piangi sei senza cuor!

 

St. XIII.a - Ges¨ deposto dalla croce e consegnato a sua madre 1979 - 2010 (*)

Dhe Madre pia! Con quanto affetto piangendo al petto stringi Ges¨!

Io l'ho ferito, ma son pentito: non pi¨ peccati, non pi¨, non pi¨!

 

St. XIV.a - Ges¨ posto nel santo sepolcro 2010 (*)

Dal tuo sepolcro non vo' partire senza morire, senza morire.

Ma qui star˛ finchÚ il dolore m'uccida il cuore, m'uccida il cuore.

L'alma piangendo qui spirer˛... L'alma piangendo qui spirer˛...

 

Adoramus Te Christe et benedicimus tibi.

quia per sancta crucem tuam redemisti mundum!

Ora pro nobis, Virgo dolorosissima.

Ut digne efficiamur promissionibus Christi.

Oremus.(...) Amem.

 

Alla Croce:  2010 (*)

Io ti adoro o Santa Croce duro legno del mio Signore.               

E col cuore e con la voce, io ti adoro o Santa Croce.

 

 (*) Le registrazioni dei canti del 2010, sono state effettuate nel corso dell'ultima "Via Crucis" nel

Santuario di Maria SS. delle Grazie e Consolazione la "Domenica delle Palme" 28 Marzo 2010.

 


 

MERCOLEDI' SANTO

 

CANTICO DI ZACCARIA: BENEDICTUS  (Lc 1, 68-79) (dispari melodia / pari retto tono) 2010 (**)

 

Benedictus D˛minus DŔus Israhel

quia visitÓvit et fecit redemptionem plebi s¨ae

 

- et erexit cornu salutis nobis in domo David pueri sui.

 

Sicut locutus est pŔr ˛s sanct˛rum

qui a saŔculo sunt prophetarum Ŕjus

 

- salutem ex inimicis nostris et de manu omnium qui oderunt nos.

 

Ad faciŔndam misericordiam cum pÓtribus n˛stris

et memorÓri testamenti s¨i sÓncti

 

- iusiurandum quod iuravit ad Abraham patrem nostrum daturum se nobis.

 

Ut sine tim˛re dŔ mÓnu inimic˛rum nostr˛rum

liberÓti serviamus ýlli

 

- in sanctitate et iustitia coram ipso omnibus diebus nostris.

 

Et tu p¨er propheta Altýssimi vocÓberis

praeibis_enim_ante fÓciem Domini parÓre vias Ŕjus

 

- ad dandam scientiam salutis plebi eius in remissionem peccatorum eorum.

 

Per výscera misericordiae DŔi n˛stri

in quibus visitÓvit nos_oriens_Ŕx Ólto

 

- inluminare his qui in tenebris et in umbra mortis sedent ad dirigendos pedes nostros in viam pacis.

 

PSALMUS 50 (DAVID): MISERERE  Anni '80 [dispari melodia / pari retto tono] -   2010 (**)

 

Miserere / miserere / mŔi DŔus / secundum mÓgnam miseric˛rdiam /

mýseric˛rdiam / mýseric˛rdiam / misericordiam t¨am /

 

- et secundum multitudinem miserationum tuarum dele iniquitatem meam.

 

Amplius lÓva me / ab inýquitÓte mŔa / et Ó peccato meo munda me / et Ó peccato meo munda me /

m¨nda me / m¨nda me / munda mŔ /

 

- quoniam iniquitatem meam ego cognosco et peccatum meum contra me est semper.

 

Tibi s˛li peccÓvi / et malum corÓm te fŔci / ut justificŔris in sermonibus t¨is /

Ŕt vincas / Ŕt vincas cum judicÓris /

 

- ecce enim in iniquitatibus conceptus sum et in peccatis concepit me mater mea.

 

Ecce enim veritatem dilexýsti / incŔrta et occulta sapientiaŔ tuaŔ / mÓnifestasti mýhi / mÓnifestasti mýhi /

mÓnifestÓsti / mÓnifestÓsti / manifestasti mýhi /

 

- asparges me hysopo et mundabor lavabis me et super nivem dealbabor.

 

Audýtui meo dÓbis / gaudium Ŕt laetýtiam / et exultÓbunt ossa humiliÓta /

Ŕt exultÓbunt / Ŕt exultÓbunt ossa humiliÓta /

 

- averte faciem tuam a peccatis meis et omnes iniquitates meas dele.

 

Cor mundum crea_in_me_DŔus / et spirýtum rŔctum ýnn˛vÓ / ýn výsceribus mŔis / ýn výsceribus mŔis /

ýn výscŔribus / ýn výscŔribus / in visceribus mŔis /

 

- ne proicias me a facie tua et spiritum sanctum tuum ne auferas a me

 

Redde mihi laŔtitiam / sÓlutÓris tui / Ŕt spiritu principÓli confirma mŔ /

c˛nfirma mŔ / c˛nfirma mŔ / confirma mŔ /

 

- docebo iniquos vias tuas et impii ad te convertentur.

 

Lýbera me dŔ sanguýnibus / Deus DŔus sal¨tis meaŔ / et Ŕxultabit lingua mŔa / et Ŕxultabit lingua mŔa /

j¨stitiam t¨am / j¨stitiam t¨am / justitiam t¨am /

 

- Domine labia mea aperies et os meum adnuntiabit laudem tuam.

 

Quoniam si voluýsses sacrificium / dŔdissŔm utýque / holocÓustis non delectÓberis /

n˛n delectÓberis / n˛n delectÓberis / non delectÓberis /

 

- sacrificium Deo spiritus contribulatus cor contritum et humiliatum Deus non spernet.

 

BŔnigne fÓc D˛mine / in bona voluntate tua Sýon / ¨t aedificŔntur / ¨t aedificŔntur /

m¨ri Jer¨salem / m¨ri Jer¨salem / muri Jer¨salem /

 

- tunc acceptabis sacrificium iustitiae oblationes et holocausta tunc inponent super altare tuum vitulos.

 

 (**) Le registrazioni dei canti del 2010, sono state effettuate nel corso dell'Ufficio delle Tenebre

celebrato nella chiesa madre di Santa Maria del Popolo il "Mercoledý Santo" 31 Marzo 2010.

 


 

GIOVEDI' SANTO

 

E' SPIRATO                           

 

E' spirato! Esangue giace / o fratelli, il Redentor.

La grand'opra della pace / il portento dell'amore.

L'umanato consum˛ / ed il capo declin˛.

 

Sul ferale tronco confitto / pende lacero, nudato;

per crudele asta trafitto / d'aspri dumi incoronato.

Fan dell'ali agli occhi un vel / mesti gli angeli del Ciel.

 

CROCE

 

Croce, tu il vero simbolo / d'amor, di gloria insieme;

tu splendi pi¨ dell'iride, / tu sei segnal di speme.

In ciel t'adorano gli angeli / e qui sei scuola ai re...

...sei scuola ai re!

 

Croce adorata, che orribil / palco di morte e di ira,

su cui per man dei perfidi / l'onnipossente spira.

Prostrati nella polvere / siam tutti innanzi a te...

...innanzi a te!

 

DI MILLE COLPE REO  (versi di Pietro Metastasio)                          

 

Di mille colpe reo / lo so, Signore, io sono:               

non merito perdono, / nÚ pi¨ il potrei sperar.           

Non merito perdono, / nÚ pi¨ il potrei sperar.            

 

Ma senti quella voce / che per me prega e poi,

lascia, Signor, se puoi, / lascia di perdonar.        

Lascia, Signor, se puoi, / lascia di perdonar.             

 


 

VENERDI' SANTO

ALLE TRE ORE DI AGONIA  (versi di Pietro Metastasio)

 

Introduzione

GiÓ trafitto in duro legno / dall'indegno popol rio

la grand'alma, un uomo Dio, / va, sul Golgota, a spirar,

va, sul Golgota, a spirar. / Voi che a Lui fedeli siete

non perdete, o Dio, i momenti; / di Ges¨, di Ges¨ gli ultimi accenti

dhe, venite ad ascoltar... / Dhe, venite ad ascoltar.

 

I - "Padre, perdona loro, perchÚ non sanno quello che fanno." 2010 (***)

Di mille colpe reo, lo so Signor, io sono:

non merito perdono, ne'l pi¨ il potrei sperar...

Non merito perdono, ne'l pi¨ il potrei sperar...

Ma senti quella voce che per me prega e poi...

Lascia Signor se puoi, lascia di perdonar!

Ma senti quella voce che per me prega e poi...

Lascia Signor se puoi, lascia di perdonar!

Lascia Signor se puoi, lascia di perdonar!

Di perdonar! Di perdonar!

 

II - "Oggi, sarai con me in Paradiso!" 2010 (***)

Quando morte, coll'orrido artiglio,

la mia vita a predare venga.

La mia vita a predare venga.

Dhe, Signor, ti sovvenga di me.

Tu mi assisti nel fiero periglio

e deposta la squallida salma,

venga l'alma a regnare con Te...

a regnare con Te.

Tu mi assisti nel fiero periglio...

Tu mi assisti nel fiero periglio

e deposta la squallida salma,

venga l'alma a regnare con Te...

venga l'alma a regnar  con Te!

 

III - "Donna, ecco tuo figlio. Figlio, ecco tua madre!" 2010 (***)

Volgi, dhe, volgi a me il tuo ciglio

madre pietosa! PoichÚ amorosa!

Ma qual tuo figlio devi guardare.

Di tanto onore degno mi rendi,

del santo amore, tu il cor mi accendi.

NÚ un solo istante, freddo e incostante,

ah! mai non sia, Ges¨ e Maria,

lasc'io d'amar, lasc'io d'amar.

 

IV - "Dio mio! Dio mio! PerchÚ mi hai abbandonato." 2010 (***)

Dunque, dal Padre ancora, dal Padre ancora

abbandonato sei.

Dunque, dal Padre ancora, dal Padre ancora

abbandonato sei.

Ridotto t'ha l'amore a questo buon Ges¨!

Ridotto t'ha l'amore a questo buon Ges¨!

Ed io coi falli miei...

Per misero gioire, potrotti abbandonare?

Potrotti abbandonare? Potrotti abbandonar?

Piuttosto, o Dio, morire. Piuttosto, o Dio morire!

No, non pi¨ peccar, non pi¨ peccar, peccar non pi¨,

peccar non pi¨!

Non pi¨, non pi¨, non pi¨ peccar!

Non pi¨, non pi¨, non pi¨ peccar, peccar non pi¨!

 

V - "Ho Sete!" 2010 (***)

Qual giglio candido allorchÚ il cielo

nemico negagli il fresco umor.

Il capo languido sul verde stelo

nel raggio fervido posa talor.

Fra mille spasimi, tal pur esangue,

di sete lagnasi il mio Signor.

Ov'Ŕ, ov'Ŕ quel barbaro che mentr'Ei langue

il refrigerio di poche lacrime gli neghi ancor...

gli neghi ancor!

 

VI - "Tutto Ŕ compiuto." 2010 (***)

L'alta impresa Ŕ giÓ, Ŕ giÓ compita.

L'alta impresa Ŕ giÓ, Ŕ giÓ compita.

E Ges¨, e Ges¨ con braccio forte

negli abissi, negli abissi la ria morte

vincitor, vincitor precipit˛.

Chi alla colpe ormai ritorna, ormai ritorna,

della morte, della morte brama il regno

e di quella vita Ŕ indegno,

che Ges¨ ci ridon˛. Che Ges¨ ci ridon˛!

 

VII - "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito." 2010 (***)

Jesus autem. Jesus autem, emissa voce magna,

emissa voce magna, expiravit.

E Ges¨ morý! E Ges¨ morý!

Ricopresi di nero ammanto il cielo.

I duri sassi spezzansi. Si squarcia il sacro velo.

E l'universo attonito compiange il suo Signor!

Ges¨ morý! Ges¨ morý!

Insensibile, insensibile in mezzo a tanto duolo...

...in mezzo a tanto duolo,

pi¨ dei macigni stupido, pi¨ dei macigni stupido

resterÓ l'uomo solo... che coi suoi falli origine,

che coi suoi falli origine fu del comun dolor.

Ges¨, Ges¨, Ges¨, Ges¨ morý.

 

 (***) Le registrazioni dei canti del 2010, sono state effettuate nel corso della Commemorazione dell'Agonia

nella chiesa madre di Santa Maria del Popolo il "Venerdý Santo" 2 Aprile 2010.

 


 

CANTI POPOLARI

 

AI TUOI PIEDI... 31 Marzo 2010

 

Ai Tuoi piedi o bella Madre, verso pianto di dolore,

per me prega il Divin Padre, in Te sola ha speme il cor.

Per me prega il Divin Padre, in Te sola ha speme il cor.

 

Una stilla almen del sangue che versava il Tuo Ges¨,

mi conforti il cuor che langue, mi conceda ancor virt¨.

Mi conforti il cuor che langue, mi conceda ancor virt¨.

 

Ah! Seguir vorrei Tuo Figlio, il mio sangue ancor versar,

ma nell'ora del periglio sento il cor in sen tremar.

Ma nell'ora del periglio sento il cor in sen tremar.

 

Dal Calvario sulla via con Te voglio almen venir

e spirar con Te Maria, contemplando il Tuo patir.

E spirar con Te Maria, contemplando il Tuo patir.

 

Or al Figlio, che ferito tutto Ŕ sangue in faccia a Te,

offri un guardo impietosito, una lacrima per me.

Offri un guardo impietosito, una lacrima per me.

 

Tu sei Madre del dolore, degli afflitti sei consol,

hai per me trafitto il core, per me in croce il Tuo Figliol.

Hai per me trafitto il core, per me in croce il Tuo Figliol.


Tra i cipressi ogn'or mi aggiro, ove mesto passo i dý,

sar˛ Teco nel martirio, ove il Figlio Tuo morý.

Sar˛ Teco nel martirio, ove il Figlio Tuo morý.

 

Io L'offesi e i falli miei, finchÚ vivo pianger˛,

ma se Madre ancor mi sei, io perdon Ti chiedo e avr˛.

Ma se Madre ancor mi sei, io perdon Ti chiedo e avr˛.

 

EVVIVA LA CROCE                           

 

          Evviva la Croce, la Croce evviva.

          Evviva la Croce e chi la port˛.               

 

Evviva la Croce sorgente di gloria

eterna memoria del mio Redentor.

 

La Croce diletta da pochi bramata

fan l'alma beata di chi la cerc˛.

 

Con sommo trionfo in ciel esaltata

di luce adornata un dý ti vedr˛.

 

Sarai per gli eletti dolcezza e contento

affanno e spavento per chi ti sprezz˛.

 

O Croce preziosa o sacro tesoro

prostrato ti adoro, e chi ti esalt˛.

 

Vessillo di gloria, di pace gradita

sei legno di vita che il cielo cre˛.

 

Venite fedeli, lodate la Croce,

alzate la voce: sol Cristo ci am˛.

 

GESU' MIO CON DURE FUNI...   (testo di S. Alfonso Maria de Liguori) 2 Aprile 2010

 

Ges¨ mio, con dure funi, come reo chi ti leg˛?

 

   Sono stati i miei peccati Ges¨ mio perdon, pietÓ.

   Sono stati i miei peccati Ges¨ mio perdon, pietÓ.

 

Ges¨ mio, la bella faccia, chi crudel ti schiaffeggi˛?

 

Ges¨ mio, di fango e sputi, chi il bel volto ti imbratt˛?

 

Ges¨ mio, le belle carni, chi spietato ti flagell˛?

 

Ges¨ mio, la nobil fronte, chi di spine t'incoron˛?

 

Ges¨ mio, sulle Tue spalle, chi la Croce caric˛?

 

Ges¨ mio, la dolce bocca, chi di fiele t'amareggi˛?

 

Ges¨ mio, le sacre mani, chi con chiodi ti trapass˛?

 

Ges¨ mio, quei stanchi piedi, chi alla Croce ti inchiod˛?

 

Ges¨ mio, l'amante core, con la lancia chi trapass˛?

 

O Maria, quel Tuo bel Figlio, chi l'uccise e tel rub˛?

 

   Sono stati i miei peccati, o Maria perdon, pietÓ.

   Sono stati i miei peccati, o Maria perdon, pietÓ.

 

MIO BARBARO CUOR...  2 Aprile 2010

 

Mio barbaro cuor, mio barbaro cuor,

la morte spietata tu desti al Signor;

squarciasti le vene al caro mio bene

che langue, che langue, che muore, che muore,

che spira per te.

Che langue, che muore, che spira per te.

 

Feroce oppressor, feroce oppressor;

ricopriti almeno di santo rossore;

dhe, piangi e sospira, contempla e rimira

la Croce, la Croce, le spine, le spine,

qual sangue vers˛.

La Croce, le spine, qual sangue vers˛.

 

E' vero Signor, Ŕ vero Signor,

pietÓ per˛ spera dolente il mio cuor.

D'amor non s'accese, per questo t'offese

l'ingrato, l'ingrato, mio cuor, mio cuor.

Dhe abbi pietÓ!

L'ingrato mio cuore, dhe abbi pietÓ.

 

Mio amato Signor, perdonami ancora, mio amato Signor.

 

O FIERI FLAGELLI...   (testo di S. Alfonso Maria de Liguori) Anni '80 - 28 Marzo 2010 - 2 Aprile 2010 - 2 Aprile 2010

 

O fieri flagelli, che al mio buon Signore

le carni squarciate con tanto dolor.

 

   Non date pi¨ pene al caro mio bene,

   non pi¨ tormentate l'amato Ges¨.  

   Ferite, ferite, ferite quest'alma. 

   Ferite quest'alma che causa ne fu.

 

O spine crudeli, che al mio buon Signore

la testa pungete con tanto dolor.

 

O chiodi spietati, che al mio buon Signore

le mani passate con tanto dolor. 

 

O lancia tiranna, che al mio buon Signore 

il fianco trafiggi con tanto dolor.

 

   Ti bastin le pene giÓ date al mio bene

   non pi¨ straziate l'amato Ges¨.

   Trafiggi, trafiggi, trafiggi quest'alma.

   Trafiggi quest'alma che causa ne fu.

 

STAVA MARIA... (musica di Antonio Lotti) Anni '80 - 2 Aprile 2010

 

Stava Maria dolente senza respiro e voce

mentre pendeva in Croce del mondo il Redentor.

E nel fatale istante, crudo e materno affetto.

Le trafiggeva il petto, le lacerava il cuor.  

Le trafiggeva il petto, le lacerava il cuor. 

 

Qual di quell'alma bella fosse lo strazio indegno,

non che l'umano ingegno immaginar nol pu˛.

Vedere un figlio, un Dio, che palpita che muore.

Sý barbaro dolore qual madre mai prov˛. 

Sý barbaro dolore qual madre mai prov˛. 

 

Alla funerea scena chi tiene il pianto a freno,

ha un cuor di tigre in seno, o cuor in sen non ha.

Chi pu˛ mirare in tante pene una madre, un figlio,

e non bagnare il ciglio e non sentir pietÓ.

E non bagnare il ciglio e non sentir pietÓ.

 


 

Ascolta alcune melodie dei canti in formato midi

 

Di mille colpe reo...

Mio barbaro cuor...

O fieri flagelli...

Stava Maria dolente...

 

 

Home | Storia e Tradizione | I "fratilli" | Le Croci e il Cristo | Statue e "Statuanti" | Strumenti e Banda | Le processioni | I Canti | Video | Restauri... 2008/09 | Cammino Confraternite | Album dei ricordi | Contatti e Link